A cosa servono le faccette dentali

A cosa servono le faccette dentali

A cosa servono le faccette dentali

2 ottobre 2018 0 commenti

Spesso si sente parlare delle faccette dentali come soluzione per un bel sorriso. Ma che cosa sono di preciso, e a che cosa servono? 

Col nome faccette dentali si fa riferimento a dei piccoli involucri di ceramica, che vanno applicati sulla superficie esterna del dente. Lo scopo delle faccette dentali è solo quello di migliorare l’estetica di un dente compromesso o rovinato o scheggiato, nascondendo i difetti di forma, di colore, o magari la posizione eccessivamente spostata del dente. In sostanza, quindi, la faccetta agisce come una protesi, “celando” il difetto del dente dietro di essa. In uno studio dentistico esperto la domanda di faccette è sempre più importante.

Le faccette dentali possono quindi essere usate come rimedio anche sui denti storti, per ottenere un sorriso che, almeno alla vista, sia del tutto privo di imperfezioni. Non si tratta, in questo caso, di una mera questione estetica; infatti i denti storti possono provocare anche difficoltà di masticazione e di conseguenza grazie all’applicazione di questi involucri si può superare il problema e rendere i denti dritti e splendenti, bianchi proprio come li si ha sempre sognati.  

Faccette dentali: vantaggi, materiali ed applicazione

I vantaggi delle faccette dentali sono proprio nella possibilità di ottenere, senza bisogno di un apparecchio, un sorriso splendente e dritto ed una masticazione migliore. 

Le faccette dentali possono essere di diversi materiali, e in conseguenza a ciò cambia anche il costo. Le faccette in ceramica sono senza dubbio quelle più diffuse, e sono estremamente resistenti, poco invasive, dotate di uno spessore veramente minimo e di conseguenza, essendo assai sottili, si deve limare poco lo smalto del dente.

Comunque ci sono anche faccette dentali in resine composite.

Il procedimento di applicazione delle faccette dentali viene eseguito programmando l’installazione che in genere avviene in diverse sedute. Il dentista deve innanzitutto limare il dente sul quale si applicheranno le faccette, quindi misurarlo, e scegliere le dimensioni ed il colore perfetto per sposarsi con la dentatura. 

Per applicare le faccette sui denti si deve limare lo smalto (l’operazione può avvenire in anestesia o senza), e poi si cementifici la faccetta isolando il dente, trattandolo con acido fluoridrico e rivestendolo con un adesivo per farlo aderire allo smalto al meglio. 

Ma le faccette dentali durano per sempre? Ovviamente la loro durata dipende dal materiale e da come sono state installate, in linea di massima possono restare applicate anche per più di 10 anni se è stato fatto un buon lavoro. 

Ci sono controindicazioni all’uso delle faccette dentali? Le faccette dentali possono essere abbastanza costose, e ci sono anche pazienti che si lamentano della loro durata limitata. Come abbiamo detto, se vi rivolgete a dei veri esperti non avrete questi tipo di problemi. Le faccette dentali hanno il grande vantaggio di regalare in poco tempo un buon sorriso, bello e naturale, funzionale e bianco, con il minimo sforzo. Inoltre vengono allineati eventuali denti erosi oppure rovinati, sono corrette le spaziature eccessive fra i denti e le colorazioni differenti, nonché le menomazioni dentali. Complessivamente le faccette dentali offrono dei grandi vantaggi dal punto di vista pratico.

Non ci sono ancora commenti!

Partecipa alla discussione

Non ci sono commenti

Potresti essere il primo ad iniziare una conversazione

-Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non saranno condivisi con terze persone.