Come sono gli alieni?

Come sono gli alieni?

9 giugno 2015 0 commenti

Il cielo tace: nessun segnale proveniente dalle stelle indica finora che gli esseri umani abbiano compagnia nell’universo. E questo silenzio ha indotto alcuni esponenti del mondo scientifico a suggerire di assumere un ruolo più attivo nell’inviare noi stessi dei messaggi nel cosmo. Tuttavia, questa iniziativa pone un interrogativo: se davvero gli alieni esistono, saranno buoni o cattivi? Un dibattito in proposito è emerso durante l’ultimo incontro annuale dell’American Association for the Advancement of Science, dove fra gli scienziati partecipanti si è accesa una viva disputa sui pro e i contro della faccenda. Nell’ambito del Seti, il programma dedicato alla ricerca della vita intelligente, si è schierato a favore Douglas Vakoch, psicologo e direttore dell’unità dedicata alla composizione di messaggi interstellari. «Per integrare il Seti, che si occupa soprattutto dell’ascolto attraverso i grandi radiotelescopi», sostiene Vakoch, dobbiamo lanciare il Meti, ovvero il Messaging to Extra-Terrestrial Intelligence. Ed elaborare qualche nuovo tipo di segnale che parli di noi». «E una vera follia», ha replicato l’astrofisico Dmid Brin. «Attirare l’attenzione di una civiltà avanzata sconosciuta può portare a risultati potenzialmente disastrosi. Se lassù c’è anche un solo predatore è meglio-restare nascosti».

Predatori in agguato

Brin sembra sposare la tesi del più popolare scrittore cinese di fantascienza Liu Cixin, che ha dedicato il suo ultimo romanzo a quella che definisce “la foresta buia”. «L’universo», scrive, «è una foresta buia, ogni civiltà è come un cacciatore armato che si muove di soppiatto come uno spettro. Bisogna fare molta attenzione e restare in silenzio, perché là fuori ci sono innumerevoli altri cacciatori. Se un cacciatore ne scopre un altro, non importa se questo sia un angelo o un demonio, un vecchio o un bambino in fasce, una dea bellissima o un santo illuminato, l’unica cosa che può fare è climinarlo. Chiunqueriveli la propria posizione sarà prima o poi sparato via dall’universo». Anche il celebre astrofisico britannico Stephen Hawking si è detto convinto che gli extraterrestri esistano, ma che invece di cercarli l’umanità dovrebbe fare di tutto per evitare un qualsiasi tipo di contatto. «Se mai ci visitassero specie più evolute provenienti da altri mondi», sostiene, «potremmo essere contagiati da virus contro i quali non possediamo gli anticorpi e la situazione che si creerei> be sarebbe molto simile a quella che si verificò dopo l’aravo di Colombo per i nativi americani: gli alieni razzierebbero la Terni per attingere alle sue risorse e per poi andarsene, dopo averla definitivamente sfruttata».

Potrebbero amare l’arte

Se esistono delle civiltà aliene, probabilmente sono costituite in gran parte da artisti. E la curiosa opinione di David Grinspoon, ricercatore di astrobiologia della Library of Congress. «La bellezza», dice Grinspoon, «non esiste solo stilla Terra ma anche altrove, in posti in cui gli umani non sono mai andati. lo credo che anche gli extraterrestri siano sensibili e ne apprezzino le forme. E se l’arte fosse una reazione all’essere consci abitatori dell’universo? Le immagini riprese dai telescopi e dalle sonde ci hanno mostrato tutto lo splendore delle mostruose tempeste di Giove, dei lucenti anelli di Saturno e delle spirali ricche cli stelle delle galassie: se ne siamo rimasti incantati noi, perché non dovrebbe essere lo stesso per gli abitanti di altri pianeti? E dunque mi chiedo: esisteranno per loro la pittura, la scultura, la musica o la loro arte avrà trovato forme d’espressione a noi sconosciute?». Per questo Grinspoon, affiancato da Kg-t Chan Yu, curatore presso il Museum of Nature and Science di Denver, ha deciso di fondare la House Band of the Universe, immaginando che la musica aliena possa essere un mix di funky e jazz. Il primo concerto  presentato a Washington ha avuto un certo successo, ma ha fatto storcere il naso ai fan di Star Prk.

Prepariamoci alla scoperta

Lo scorso settembre la Nasa e la Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti hanno riunito astronomi, fisici, storici, filosofi e teologi per un simposio dal titolo Arkaing for discovely, prepararsi alla scoperta. Obiettivo, trovare un approccio razionale a quello che sarà l’impano per l’umanità quando arriverà la notizia della scoperta di vita extraterrestre, in forma batterica oppure intelligente. A rendere così sicuri gli scienziati che sia ormai partito il conto alla rovescia, sono i numeri impressionanti relativi alle stelle dotate di sistemi planetari simili al nostro. Anche se nessuno sa con esattezza quante copie della Terra, dotate delle medesime caratteristiche adatte alla vita, esistano realmente, i potenziali mondi abitati potrebbero essere innumerevoli. Tra gli esperti del simposio c’era anche l’astronomi) del Papa, Padre Guy Consolmagno, noto per le sue affermazioni sulla possibilità di catechizzare anche gli alieni. «

Non ci sono ancora commenti!

Partecipa alla discussione

Non ci sono commenti

Potresti essere il primo ad iniziare una conversazione

-Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non saranno condivisi con terze persone.