Compagnie aeree disoneste e poco collaborative

Compagnie aeree disoneste e poco collaborative

Compagnie aeree disoneste e poco collaborative

25 ottobre 2017 0 commenti

Le “vie del cielo” europee rappresentato una delle aree di traffico più congestionate del mondo e può capitare il verificarsi di incidenti e imprevisti che vedono protagonisti sventurati viaggiatori.

Il paradosso avviene quando dopo il danno subentra la beffa: le compagnie aeree, per giustificare il loro “mancato servizio”, avanzano giustificazioni e comportamenti poco professionali a discapito dei passeggeri. Per fortuna, questi atteggiamenti subdoli vengono smascherati in tempi brevissimi grazie all’ottimo lavoro svolto da organizzazioni ed enti qualificati nel settore dei trasporti aerei, come ad esempio Flycare

Questa organizzazione, composta da gente esperta e professionisti in materia legale, si pone come obiettivo quello di  “proteggere” gli sfortunati passeggeri, fornendo tutte le informazioni necessarie per ottenere un rimborso per i torti subiti. I collaboratori documentano i passeggeri anche su tutti i diritti e i doveri a loro spettanti quando si acquista un biglietto aereo. Essendo un contratto tra due parti, è compito del fruitore del servizio leggere attentamente le condizioni contrattuali nell’istante della prenotazione per avere la visione completa delle regole della compagnia in merito a ritardi, cancellazioni e overbooking. Non tutte le compagnie, però, adottano le stesse politiche aziendali ma tutte sono soggette al rispetto di normative europee ben precise. Infatti, ogni viaggiatore può contare sulla Carta dei Diritti del Passeggero dell’Enac che ha il totale controllo sui trasporti aerei civili.

Cosa fare se il vostro aereo ritarda?

Attendere per molte ore un volo aereo sicuramente non sarà una piacevole situazione. E se le ore sono lunghe ed estenuanti, allora si avrà diritto a chiedere un rimborso per ritardo aereo fino a 600 euro. Gli importi possono cambiare in base alle caratteristiche della tratta aerea ma non variano in base al costo del biglietto. Ad esempio, se avete acquistato un ticket aereo con tratta Roma – Londra al prezzo di 50 euro e l’aereo subisce un ritardo, allora è possibile presentare una richiesta di rimborso per ottenere un indennizzo che varia da un minimo di 250 a un massimo di 600 euro. Viceversa, se avete speso 800 euro per Roma – New York, avrete un rimborso del volo aereo pari a 600 euro. In sostanza, ciò che conta è la distanza in chilometri e quindi la tratta aerea: più la destinazione è lontana (oltre 3500 Km.) più il risarcimento sarà elevato. C’è anche un’altra regola prevista dalla legge che tutela maggiormente la figura del passeggero: il rimborso di un volo aereo può essere richiesto se non sono decorsi tre anni dall’accaduto.

La non curanza dei passeggeri in merito ai propri diritti

I regolamenti, le leggi e le varie normative a tutela dei consumatori risultano inefficaci se non vengono pubblicizzate. Non tutti i viaggiatori, nel momento in cui prenotano un volo aereo, hanno l’abitudine di leggere il quadro informativo del servizio offerto dalla compagnia aerea.

Da oggi, grazie al web, esiste una valida soluzione per questi viaggiatori pigri o inesperti che non sanno come muoversi in caso di ritardi o cancellazioni di voli aerei. Basta navigare su internet e cliccare su portali e siti ben quotati e affidabili, come Flycare appunto, che offre un servizio di consulenza e prevenzione su tutto ciò che riguarda il mondo dei voli aerei.. Il sito è semplice da consultare ed è strutturato in maniera tale che anche i meno esperti  possono compilare la richiesta per il rimborso del volo aereo. Tutto a costo zero, senza nessun anticipo da parte del passeggero, il quale dovrà solo attendere il verdetto finale e ricevere sul proprio conto corrente la somma di denaro pattuita con Flycare.

Non ci sono ancora commenti!

Partecipa alla discussione

Non ci sono commenti

Potresti essere il primo ad iniziare una conversazione

-Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non saranno condivisi con terze persone.