Nel cuore della Sardegna in moto

Nel cuore della Sardegna in moto

Nel cuore della Sardegna in moto

1 Giugno 2019 0 commenti

I turisti che ogni anno dalla costa italiana arrivano in Sardegna sono moltissimi. La maggior parte va sull’isola per godersi il sole e il mare, ma negli ultimi anni anche zone poco note della Sardegna stanno diventando “di moda”. Un buon modo per godersi al meglio l’isola, anche il suo cuore selvaggio, è in moto.

In Sardegna in moto

Chi volesse provare alcune tra le più belle strade del cuore della Sardegna, nella zona della Barbagia alle pendici del Gennargentu, deve considerare prima di tutto il viaggio per arrivare sull’isola. Fortunatamente il numero dei traghetti che parte ogni giorno è elevato e si possono anche trovare interessanti pagine informative che ci raccontano tutto su Piombino porto e le partenze per la Sardegna. Avendo le idee chiare è possibile scegliere in modo accurato come e quando partire, per poi prenotare con anticipo. Conviene infatti ricordare che, nonostante i traghetti per la Sardegna siano numerosi, sono tanti anche coloro che li utilizzano; quindi la prenotazione è d’obbligo per evitare di trovarsi al porto pronti per partire ma senza alcuna opportunità per salire a bordo. Per altro prenotando con anticipo si possono anche valutare eventuali offerte e promozioni, che consentono di tagliare in modo drastico il prezzo del viaggio.

Dove sbarcare

Chi desidera partire da Piombino, o dalla Liguria, per arrivare in Sardegna e godersi le strade nel cuore dell’isola dovrebbe prediligere i porti della costa nord, o nord-orientale. Olbia, Golfo aranci o anche Porto Torres sono tra i porti più comodi, soprattutto per l’ampio numero di navi dirette qui ogni singolo giorno dell’anno. Certo, in periodo di alta stagione qui è possibile trovare numerosi turisti; ma se si deve subito partire per raggiungere Orgosolo o altre località nel centro della Sardegna, allora ci si lascerà il turismo di massa alle spalle, per percorrere sicuramente varie decine di chilometri su strade praticamente deserte, o qualcosa di simile.

Dove andare

Gli itinerari nel cuore della Sardegna da percorrere in moto sono molteplici, ad esempio molto interessanti sono quelli proposti nel prossimo video

Tra uliveti e coste soleggiate, o tra i pascoli alle pendici del Gennargentu, ognuno poi è libero di scegliere l’itinerario che predilige. Nella maggior parte delle località sarde è anche possibile trovare un alloggio per la notte, cosa che semplifica di molto l’organizzazione del viaggio. Non è quindi obbligatorio seguire ogni itinerario suggerito sino alla fine, ci si può fermare dove si crede, ad esempio nella località che si ritiene più pittoresca e piacevole.

Meglio la costa o l’interno?

La Sardegna è un’isola sufficientemente grande da offrire strade di ogni genere sia sulla costa, sia verso l’interno. Solitamente chi ama viaggiare in modo predilige le zone collinari o montuose, evitando la costa. Questo anche per tenersi lontani dal turismo di massa, che inevitabilmente affolla anche le strade, rendendole meno scorrevoli. Si deve però sempre considerare che molto dipende dalla stagione in cui si decide di andare in Sardegna in moto; in autunno e inverno, ma anche per gran parte della primavera, anche le strade costiere di alcune zone non sono per nulla affollate.

Non ci sono ancora commenti!

Partecipa alla discussione

Non ci sono commenti

Potresti essere il primo ad iniziare una conversazione

-Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. Anche gli altri dati non saranno condivisi con terze persone.