Come aprire una web agency

Come aprire una web agency

Come aprire una web agency

28 Ottobre 2016 0 commenti

Come aprire una web agency? Ma soprattutto, che cos’è e in che cosa consiste il lavoro di una web agency. In questa guida cercheremo di analizzare i dettagli di quest’attività, i pro e i contro per capire se davvero vale la pena aprire un’agenzia web e perchè.

I servizi di una web agency

Innanzitutto è bene chiarirsi le idee sul lavoro concreto che si svolge all’interno di una web agency. Una web agency lavora con e per i siti web di aziende e professionisti e ogni attività si svolge per migliorare la presenza on line di un sito. Oggi sembra diventata un po’ una moda; eppure aprire una web agency non è semplice e gestirne una richiede competenza e professionalità a livelli davvero alti.

I servizi che offre una web agency sono numerosi:

  1. apertura e gestione di un sito web
  2. posizionamento di un sito internet sui principali motori di ricerca
  3. gestione delle pagine social (Facebook, Twitter, Instangram, Linkedin ect)
  4. servizio di assistenza e customer service per i clienti

Un cliente (o potenziale cliente) di una web agency può scegliere di acquistare simultaneamente tutti questi servizi (e quindi avere una gestione completa della propria presenza on line) oppure separatamente, procedendo per gradi. Quel che è certo è che chi lavora in una web agency dovrebbe monitorare quotidianamente l’andamento di un sito web e mettere in atto costantemente degli interventi tecnici o grafici per migliorarne la presenza on line.

In linea di massima, una web agency può essere specializzata in diversi servizi oppure solo in alcuni. Ad esempio esistono web agency che si occupano solo della progettazione e realizzazione dei siti internet ed altre specializzate in SEO, ovvero nei servizi di posizionamento su google dei siti stessi. Le agenzie più grandi, generalmente, offrono un servizio di assistenza on line completo e professionale, anche perchè il successo di un sito – e quindi la capacità di conversione di un utente in un potenziale cliente – passa per una serie di fattori solo apparentemente separati tra loro. Un utente, infatti, può scegliere di acquistare un prodotto o un servizio visto su un social network oppure individuato per mezzo di una ricerca on line, o semplicemente perchè visualizzato in una newsletter.

Social, seo e newsletter, infatti, sono solo tre dei canali di ricerca per cui un utente passa e può diventare acquirente.

Procedendo con ordine, il primo lavoro di una web agency riguarda sicuramente la progettazione del sito internet. In genere, è possibile optare per un sito vetrina (in questo caso si presenta solo l’azienda e/o il professionista, i suoi servizi e si rimanda l’utente al contatto per ricevere maggiori informazioni ed effettuare acquisti) oppure un sito e-commerce, in cui ci si apre alla vendita diretta dei prodotti on line.

Qualsiasi sia la scelta del cliente, è doveroso fornire un preventivo e un progetto professionale. E’ bene evitare grafiche troppo pesanti e complesse e optare per un sistema di navigazione – ed eventualmente di vendita – rapido ed intuitivo. In Italia, gli utenti sono ancora poco pratici di internet e di acquisti on line, per cui è preferibile non complicare troppo il processo di acquisto e renderlo più intuitivo possibile.

Il secondo step, successivamente, riguarda il posizionamento del sito su Google. In questo caso entrano in gioco dei ruoli precisi della web agency, conosciuti come SEO manager. La figura del SEO è sostanzialmente quella di un tecnico molto esperto in lavori di ottimizzazioni on page, contenuti e linkbuilding. Essere primi su Google per determinati chiavi di ricerca è quasi sempre l’obiettivo principale di un cliente, per cui bisogna essere davvero molto competenti per portare a termine questo lavoro.

Come trovare clienti per una web agency

Ma come fa una web agency a trovare nuovi clienti? Il vecchio e tradizionale passa parola gioca un ruolo fondamentale nell’acquisizione di nuovi clienti. Quando si lavora bene e si svolge con competenza e professionalità il proprio lavoro on line, saranno gli stessi clienti a presentarvi altri clienti.

Tuttavia ci sono anche altre ‘vie’ che si possono seguire quando ci si mette alla ricerca di nuovi clienti per una web agency: innanzitutto, i marketplace. Esistono numerose piattaforme per freelance e agenzie alla ricerca di lavoro. E’ sufficiente iscriversi e rendere professionale il proprio profilo. Man mano che si riesce a prendere qualche lavoro, il livello di professionalità dell’agenzia agli occhi di altri utenti salirà, per cui il profilo diventerà attraente per altre aziende o professionisti che sono alla ricerca di servizi web.

Un altro mezzo per sponsorizzarsi è sicuramente il posizionamento su Google. Una web agency degna di questo nome in effetti dovrebbe avere una posizione ottima per le principali chiavi di ricerca del proprio settore ‘web agency milano, web agency napoli, web agency roma’ e così via. Chi cerca una web agency nella propria città, al 90% inizierà a farlo da Google e chi dice di vendere ‘servizi seo’ dovrebbe avere un posizionamento eccellente per il proprio sito. Questo sarebbe già un ottimo bigliettino da visita.

Come accade per gli altri siti web, anche il sito di una web agency può trovare clienti via social network, con campagne di advertising mirate e professionali.

Come aprire una web agency

Per aprire una web agency occorre, in ogni caso, seguire un preciso iter burocratico che va dall’apertura della partita IVA all’apertura della posizione INPS. Chi decide di aprire una web agency dovrebbe anche avere una sede fisica: ci sono molte persone che preferiscono avere un contatto diretto con un’agenzia web, piuttosto che comprare un servizio direttamente on line, magari senza non aver mai visto in faccia il proprio interlocutore.

Non ci sono ancora commenti!

Partecipa alla discussione

Non ci sono commenti

Potresti essere il primo ad iniziare una conversazione

<